Articles

Antichi mestieri a Livigno e Trepalle

Antichi mestieri a Livigno e Trepalle

Nell’ultimo secolo, a Livigno e Trepalle, molti mestieri sono scomparsi: la fine della Seconda Guerra Mondiale, l’arrivo dei primi turisti, il boom economico dagli anni ‘70 in poi, hanno modificato usi e costumi.
Nuovi mestieri si sono affacciati e, quasi da un giorno all'altro, l'economia è cambiata.

-Al pradéir (il falciatore)

-Al capciòta (il capo letame)

-La tesciádra (la tessitrice)

-Al guardiabósc’ch e al campéir (la guardia comunale)

-Al legnaméir e al marangóṅ (il falegname)

-Al funádro (il funaio)

-Al feréir (il fabbro e maniscalco)

-Al bachetéir (il portatore del bastone durante le funzioni religiose)

-Al paroléir (lo stagnino)

-Al bechéir (il macellaio)

-Al moléta (l'arrotino)

-Al presc’tinéir (il fornaio)

-Al contrabandéir (il contrabbandiere)

-Al caciadór (il cacciatore)

-Al filagnéir (il pescatore)

-Al sciòbar (il calzolaio)

Vuoi saperne di più? Antichi mestieri a Livigno e Trepalle